Colesterolo LDL troppo basso e rischio ictus. Nuovo studio

Avere livelli elevati di colesterolo LDL (il colesterolo “dannoso”) aumenta il rischio di eventi cardiovascolari come ad esempio infarto e ictus. Questo è quanto ribadiscono anche le ultime linee guida delle società cardiologiche americane (ACC/AHA, American College of Cardiology, American Heart Association). Tuttavia, anche livelli di colesterolo LDL eccessivamente bassi, potrebbero costituire un rischio. Questo quanto rivela un nuovo studio pubblicato sulla rivista scientifica Neurology da un team del “Brigham and Women’s Hospital e Harvard Medical School di Boston”e che ha coinvolto 27.937 donne di età pari o superiore a 45 anni, alle quali sono stati misurati i livelli di colesterolo (LDL e HDL) e di trigliceridi all’inizio dello studio. I ricercatori hanno in seguito esaminato i dati clinici per determinare l’incidenza di ictus emorragico in questi soggetti.

Durante un follow-up medio di 19,3 anni, sono stati registrati 137 casi di ictus emorragico. Rispetto ai soggetti con livelli di colesterolo LDL compreso tra 100 e 129,9 mg/dL, quelli con livelli di LDL colesterolo minore di 70 mg/dL mostravano 2,17 volte il rischio di avere un ictus emorragico (intervallo di confidenza al 95%: 1,05, 4,48). Nessun aumento significativo del rischio è stato invece osservato per quelli con livelli di colesterolo LDL compresi tra 130 e 159,9 mg/dL (rischio relativo: 1,14, IC 95% 0,72, 1,80) o tra 70 e 99,9 mg/dL (RR 1,25, IC 95% 0,76 , 2.04). E’ stato invece notato un riscontro, anche se non significativo, di aumento del rischio per quelli con livelli di colesterolo LDL ≥160 mg/dL (RR 1.53, IC 95% 0.92, 2.52). Nessuna differenza di rischio è stata trovata invece per quel che concerne i valori di colesterolo totale o di colesterolo HDL.

“Le donne nel quartile più basso di trigliceridi, ovvero quelle con livelli di colesterolo LDL <70 mg/dL,” – concludono gli autori dello studio – “avevano un rischio significativamente aumentato di ictus emorragico rispetto alle donne nel terzo quartile. Non abbiamo osservato associazioni significative tra i livelli colesterolo totale o livelli di colesterolo HDL e rischio di ictus emorragico”.

Il colesterolo LDL, che risulta essere potenzialmente pericoloso per malattie cardiovascolari, se troppo elevato, potrebbe pertanto, a livelli normali, avere un ruolo protettivo rispetto ad alcune patologie quali l’ictus emorragico. “Le donne con colesterolo LDL molto basso o trigliceridi bassi dovrebbero essere monitorate dai medici con attenzione, soprattutto riguardo altri fattori di rischio di ictus che possono essere modificati, come l’ipertensione e il fumo” – ha commentato Pamela Rist del Brigham and Women’s Hospital di Boston, membro dell’American Academy of Neurology. – “Inoltre, sono necessarie ulteriori ricerche per determinare come ridurre il rischio di ictus emorragico nelle donne con LDL molto basse e bassi livelli di trigliceridi”.

Articolo originale: “Lipid levels and the risk of hemorrhagic stroke among women“. Pamela M. Rist, Julie E. Buring, Paul M Ridker, Carlos S. Kase, Tobias Kurth, Kathryn M. Rexrode. Neurology Apr 2019.