Curcuma e Microbiota intestinale. Influenze reciproche e benefici.

Come riportato ormai da innumerevoli studi, la curcumina, presente nella spezia curcuma, possiede molteplici effetti benefici tra i quali esercitare attività anti-infiammatoria, antiossidante, antitumorale, antivirale e neurotrofica ed è quindi promettente come agente terapeutico per prevenire e curare diversi disturbi. Tuttavia, un importante ostacolo all’efficacia clinica della curcumina è la sua scarsa bio-disponibilità ed il suo basso assorbimento intestinale.

In questa revisione si propone che il potenziale della curcumina come agente terapeutico non si basi esclusivamente sulla sua bio-disponibilità, ma piuttosto i suoi benefici medicinali possono derivare anche dalla sua influenza positiva sulla salute e sulla funzione gastrointestinale e per questo motivo molte sforzi sono stati dedicati allo sviluppo di formulazioni di curcumina con una maggiore bio-disponibilità e maggiore distribuzione sistemica dei tessuti.

Ora una nuova revisione degli studi scientifici in merito, ipotizza che il potenziale della curcumina come agente terapeutico non si basi esclusivamente sulla sua bio-disponibilità, ma piuttosto i suoi benefici medicinali possono derivare anche dalla sua influenza positiva sulla salute e sulla funzione gastrointestinale compresi effetti sul microbiota intestinale. In questo nuovo studio, pubblicato sulla rivista “Advances in Nutrition” a gennaio 2018 da un ricercatore della Murdoch University, a Perth, in Australia, sono stati valutato gli effetti della curcumina su microbiota intestinale, permeabilità intestinale, infiammazione intestinale e stress ossidativo, risposta anafilattica e infezioni batteriche, parassitarie e fungine secondo l’affascinante ipotesi che i cambiamenti positivi in ​​queste aree possano avere influenze su vasta scala sia sulle patologie intestinali che extra-intestinali e pertanto si presenta come un possibile meccanismo alla base dell’efficacia terapeutica della curcumina stessa.

“In questa revisione” – scrivono gli autori dello studio – “si propone che il potenziale della curcumina come agente terapeutico possa non basarsi necessariamente sulla sua bio-disponibilità, ma piuttosto i suoi benefici medicinali possono derivare anche dalla sua influenza positiva sulla salute e sulla funzione gastrointestinale”.

“È sempre più riconosciuto che” – prosegue l’autore dello studio – “la salute dell’intestino non è solo essenziale per il nostro sistema gastrointestinale, ma è anche importante per la salute umana generale. Ciò è particolarmente evidenziato dall’elevata comorbilità della maggior parte dei disturbi gastrointestinali con altre condizioni mediche e dai significativi effetti avversi delle malattie e dei sintomi gastrointestinali sulla qualità della vita in generale. La curcumina si presenta come un agente naturale in grado di supportare la funzione gastrointestinale, e la prova delle sue influenze gastrointestinali è stata esaminata in questo articolo; in particolare, sono stati esaminati i suoi effetti sul microbiota intestinale, sulla permeabilità intestinale, infiammazione intestinale e lo stress ossidativo, gli effetti anti-anafilattici e la sua influenza sulle infezioni batteriche, parassitarie e fungine. Sebbene questi meccanismi siano discussi separatamente in questa recensione, si riconosce che sono fortemente connessi, con influenze sostanziali l’uno sull’altro. Poiché l’integrità del nostro tratto gastrointestinale ha influenze di ampia portata sulla salute e sulla funzione di tutto il nostro corpo, si sostiene che i benefici per la salute della curcumina possono essere almeno in parte derivati ​​dal suo effetto gastrointestinale positivo. Questo aiuterebbe anche a spiegare i benefici medicinali e fisiologici incoraggianti della curcumina, nonostante la sua scarsa bio-disponibilità e distribuzione sistemica nei tessuto“.

Articolo originale: The Problem of Curcumin and Its Bioavailability: Could Its Gastrointestinal Influence Contribute to Its Overall Health-Enhancing Effects? Advances in Nutrition, Volume 9, Issue 1, 1 January 2018, Pages 41–50.

Post correlati: Curcuma, un fantastico alleato per la salute e potente antitumorale.

  • 5
    Shares