Realizzato in Svizzera un nuovo impianto per trasformare l’anidride carbonica atmosferica in prodotti utili

I cambiamenti climatici causati dall’emissione di gas serra, principalmente CO2, prodotta dalla combustione dei combustibili fossili, stanno causando un globale surriscaldamento del pianeta, oltre che essere di per se tossici per gli organismi animali.

Inoltre l’aria che respiriamo è sempre più inquinata e la quantità di anidride carbonica ha raggiunto un nuovo record mondiale oltrepassando la soglia di 410 parti per milione.

Non era mai successo in 50 milioni di anni, dicono i climatologi. E la colpa è sempre dei combustibili fossili, petrolio, carbone, gas naturale che bruciando fanno anche alzare la temperatura del pianeta. Questo dato è stato registrato il 26 aprile scorso dall’Osservatorio di Mauna Loa, alle Hawaii, la più antica stazione di rilevamento di CO2 al mondo; solo qualche giorno prima, il 18 aprile, era stata oltrepassata la soglia di 410 ppm.

I vari accordi di questi ultimi anni si sono preposti di mantenere l’aumento della temperatura media globale al di sotto dei 2 gradi Celsius rispetto a  quelli dell’era preindustriale, per ridurre l’impatto di questa sui cambiamenti climatici del pianeta. Tuttavia, continuando di questo passo sembra difficile contenere l’aumento entro i termini prefissati come indicato dall’accordo di Parigi sul clima ed evitare le conseguenze peggiori del riscaldamento globale.

Nonostante i progressi fatti in materia di energie rinnovabili ed efficienza energetica, tutto questo non sembra essere affatto sufficiente a raggiungere l’obiettivo. Per questo devono essere evidentemente trovate delle tecniche alternative atte a ridurre le emissioni inquinanti o, come in questo caso, a rimuovere l’eccesso di CO2 dall’atmosfera.

Un’azienda svizzera ha annunciato da pochi giorni di essere in grado di rimuovere industrialmente l’anidride carbonica nell’aria per riutilizzarla in alti ambiti. Ad esempio l’anidride carbonica prelevata e quindi rimossa dall’aria, potrebbe essere utilizzata per produrre fertilizzanti o altre sostanze utili all’uomo.

La maggiore concentrazione di CO2 è la principale responsabile del riscaldamento globale. Il 2016 è stato anche l’anno più caldo della storia, certamente dal 1880, cioè da quando si ha disponibilità di dati, che ha visto un aumento medio della temperatura del pianeta di 1,1 gradi centigradi rispetto ai livelli pre-industriali.

Un’ipotesi alternativa su come limitare l’eccesso di CO2 nell’atmosfera, non riuscendo a limitarne l’emissione, potrebbe essere quello di rimuoverla dall’atmosfera riutilizzandola per altri scopi e composti.

Recentemente, un’azienda svizzera, la Climeworks, ha realizzato un impianto in grado di catturare la CO2 atmosferica grazie a dei filtri al carbone, chee secondo l’azienda sarebbe in grado di rimuovere dall’atmosfera 900 tonnellate di CO2 all’anno.

Una volta che i filtri sono saturi vengono riscaldati e l’anidride carbonica raccolta viene liberata dai filtri e raccolta sotto forma di CO2 concentrato da rivendere a utilizzatori che la possano utilizzare per realizzare altri prodotti a base carbonio.

Una volta liberata dall’anidride carbonica, l’aria purificata viene rilasciata in atmosfere. I filtri possono essere in seguito riutilizzati per molte migliaia di volte. L’impianto della Climeworks è stato costruito su un inceneritore da cui prende il calore necessario per il funzionamento.

Christoph Gebald, il co-fondatore della società spiega che l’obiettivo sarebbe  quello di arrivare a catturare una quantità di CO2 dall’aria paragonabile all’1 per cento di quella che viene prodotta e immessa nell’atmosfera dall’uomo. “Un obiettivo che vogliamo raggiungere entro il 2024” riferisce Christoph Gebald.

Purtroppo anche questi sistemi di depurazione richiedono molta energia, quindi l’energia necessaria per rimuovere l’anidride carbonica in eccesso dall’aria ambiente, potrebbe portare indirettamente ad un ulteriore produzione di gas serra;  in questo specifico caso l’energia viene ricavata da un inceneritore, in quanto l’impianto vi è stato costruito sopra, tuttavia dovrebbero in primis essere aumentati gli sforzi per ridurre le emissionidi CO2.

Articoli correlati: Fotosintesi artificiale, realizzata una macchina per purificare l’aria imitando le piante.